La psicomagia è una pratica guaritrice che attua attraverso la metafora e la bellezza, essenzialmente attraverso il linguaggio dei sogni.

La psicomagia consiste in atti simbolici che permettono di realizzare l’irrealizabile, riparare la memoria e, infine, liberando l’energia che era bloccata nel/la consultante. Smettendo di considerare la dimensione incosciente come un nemico e perdendo la paura verso se stesso/a, una persona può scoprire I traumi che gli/le provocano sofferenza. Senza dubbio, anche se uno/a conosce ciò che succede e perché, non è del tutto libero/a dal dolore.

La psicomagia non pretende – come la psicoanalisi – di curare attraverso le parole,  convertendo I messaggi che provengono dalla dimensione incosciente in un discorso razionale: si propone piuttosto di insegnare al razionale a comunicare con il linguaggio incosciente.

Non basta comprendere il perchè di un conflitto. Occorre metterlo in atto, fare uscire l’impulso, il comportamento ripetitivo, che porta diffcoltà alla nostra vita.

Nella psicomagia si propongono al consultante azioni concrete: effettuare un atto simbolico che, in un certo senso, riparerà la sua memoria e che gli/le permetterà di relizzare l’irrealizzabile.